Come diventare bilingue

Come diventare bilingue

Corsi Centri

Riuscire a parlare fluentemente inglese è ormai una qualità sempre più richiesta nel mondo del lavoro e l'inglese si fa sempre più strada come lingua franca del mondo.

Recenti studi hanno sottolineato come la generale perdita di influenza del mondo occidentale e la conseguente crescita dei mercati emergenti non abbia intaccato il predominio dell'inglese come lingua universale: si stima, al contrario, che l'inglese diventerà sempre più importante nelle comunicazioni internazionali e nel mondo scientifico, soprattutto perché l'inglese è la lingua più utilizzata, in senso ufficiale, sul web.

Le nuove generazioni sono quindi sempre più incentivate a conoscere l'inglese non più come semplice seconda lingua ma come “seconda madrelingua”.

Chi utilizza l'inglese tutti i giorni sul lavoro e ha già una buona padronanza linguistica è oggi sempre più portato a perfezionare le proprie conoscenze per potersi definire bilingue.

Come diventare bilingue: parlare inglese come un madrelingua

Come fare, quindi, a parlare inglese come un madrelingua?

La prima cosa da sapere è che non si tratta di una missione impossibile!

Se stai mirando al bilinguismo significa che già possiedi una buona competenza linguistica: la parte più difficile l'hai già affrontata, da adesso in poi il tuo obiettivo è quello di essere sottoposto agli stimoli giusti!

Parlare come un madrelingua può essere difficile se non vivi in un Paese di lingua inglese, perché non hai tante occasioni per ascoltarlo e parlarlo: padroneggiare la lingua straniera a questi livelli non è qualcosa che puoi apprendere su un libro, a prescindere dal livello di impegno che puoi mettere nello studio.

Per arrivare al bilinguismo, devi trovare il modo di ascoltare, leggere e parlare inglese tutti i giorni.

Stephen Krashen, linguista, ricercatore e professore emerito dell'Università della California, ha proposto una delle più affascinanti teorie sull'acquisizione della seconda lingua e su come sia possibile, con i giusti accorgimenti, arrivare al bilinguismo.

Secondo la teoria della costruzione creativa, o approccio naturalistico, l'acquisizione del linguaggio si verifica in modo innato e si afferma che l'uomo nasca con una naturale propensione per la comunicazione linguistica. Sulla scia di queste teorie, Krashen distingue tra acquisizione e apprendimento.

Prima acquisire, poi apprendere: la strada per il bilinguismo

L'acquisizione è il processo naturale di assorbimento delle informazioni, un processo inconscio; l'apprendimento, invece, è il processo formale e consapevole di studio delle informazioni.

Ci sono due modi per sviluppare le competenze in una seconda lingua, entrambi indispensabili. Da un lato possiamo acquisire la lingua, dall'altro possiamo studiarla.

Diventare bilingue: un'impresa possibile

Se il tuo obiettivo è quello di diventare bilingue dovrai, da adesso in poi, concentrare le tue energie sull'acquisizione e non più sull'apprendimento, che consideriamo come già assimilato: devi quindi trovare il tempo, tutti i giorni, per fare conversazione, guardare un film, ascoltare musica in inglese e così via.

Possiamo dire di avere acquisito una lingua (tutta o in parte) quando siamo in grado di comprendere i messaggi o input: questa ipotesi è il fulcro della teoria di acquisizione di Krashen.

Apprendiamo la lingua quando capiamo cosa ci viene detto o quando comprendiamo ciò che stiamo leggendo, anche se questi input contengono aspetti del linguaggio come la grammatica o il vocabolario che non abbiamo ancora assimilato completamente.

Ci sono due aspetti affascinanti in questa teoria sull'acquisizione del linguaggio: in primo luogo, una volta raggiunto un certo livello di comprensione, l'apprendimento non costa più fatica.

In secondo luogo, da questo momento in poi, l'acquisizione può essere anche del tutto inconscia nel momento in cui siamo sottoposti ad adeguati stimoli.

Secondo questa ipotesi la cosa più importante è dunque vivere per un certo periodo immersi nel giusto contesto, con adeguati stimoli, in modo da assorbire la lingua il più semplicemente possibile. Conversazione e lettura sono i due perni chiave per la rapida assimilazione linguistica.

Per questo motivo, se hai già un buon livello d'inglese e il tuo obiettivo è quello di fare un salto di qualità, l'opzione migliore è certamente quella di scegliere un corso d'inglese all'estero.

Diventare bilingue? Una questione di “testa”!

Ricorda, inoltre, che anche le condizioni psicologiche al momento dell'acquisizione del linguaggio sono fondamentali per la buona riuscita del tuo obiettivo.

Noam Chomsky lo afferma chiaramente nei suoi studi sull'assimilazione del linguaggio: se lo studente è nervoso, agitato, con poca autostima, è più difficile attivare i meccanismi cerebrali che portano a una naturale assimilazione della lingua.

È così stato teorizzato il cosiddetto filtro affettivo, che spiegherebbe come mai due studenti della medesima età possano ricevere gli stessi stimoli ma non fare gli stessi progressi, se sono in diversi stati psicologici.

In poche parole, più sei a tuo agio e ti diverti ascoltando, parlando o leggendo inglese, più facilmente potrai assimilare la lingua: il segreto per diventare bilingue è quindi quello di dedicarti alle attività che più ti piacciono, in inglese!

Contatti